Dalla serie tv più popolare di Netflix Bridgerton alla città termale di Bath

Dalla serie tv più popolare di Netflix Bridgerton alla città termale di Bath

Viaggio tra le terme romane, la serie tv e Jane Austen.

Bridgerton è la serie tv statunitense creata da Chris Van Dusen, prodotta da Shonda Rhimes. È basata sui romanzi di Julia Quinn e sta spopolando ultimamente in Italia. La serie tv è andata in onda per la prima volta a dicembre del 2020 sulla piattaforma streaming Netflix. Da allora la sua notorietà è aumentata di gran lunga; infatti, la produzione sta girando la terza stagione.

La trama è ambientata nel Regno Unito nell’età della Reggenza Inglese, ed ogni stagione è incentrata sulla storia d’amore di uno dei fratelli della famiglia Bridgerton.

La prima stagione è dedicata a Daphne Bridgerton e al duca Simon Bassett. Un amore tormentato, ma nonostante la riluttanza del duca i due convolarono a nozze. La seconda stagione è incentrata sul fratello maggiore di Daphne, Anthony Bridgerton e Kate Sharma. Il loro primo periodo di conoscenza ricorda molto la relazione iniziale tra Elisabeth Bennet e il signor Darcy, i due protagonisti del celeberrimo libro di Jane Austen “Orgoglio e Pregiudizio”. Anthony e Kate all’inizio si detestano e, dopo un periodo di battibecchi, scatta in loro un amore travolgente che porta i due a sposarsi. Di recente è uscito lo spin-off sulla regina Carlotta, diretto e creato da Shonda Rhimes, dove viene raccontata la storia d’amore tra il re Giorgio III e Carlotta di Meclemburgo-Strelitz, la malattia del giovane re e la storia di due amiche della regina: Lady Danbury e Violet Ledger, futura viscontessa Bridgerton (la madre dei fratelli Bridgerton).

Aspettando la terza stagione di Bridgerton, che sarà incentrata su Colin Bridgerton, mi sono imbattuta in alcune scene che mi ricordavano delle strade a me familiari; infatti, per chi non lo sapesse la serie tv Bridgerton è stata girata nella famosa città termale inglese di Bath. La città si trova nella regione inglese del sud-ovest, nella Contea del Somerset e, sorge lungo le rive del fiume Avon. In realtà Bath è stata fondata dai Romani come centro termale e il nome prende origini dai bagni romani, in inglese la parola bagno viene scritta “bath”.

La città è stata dichiarata nel 1987 patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, diventando una delle grandi città termali d’Europa e vantando anche un primato, ovvero quello di avere le uniche terme naturali del Regno Unito. Nel 2013, andai a fare una gita nella città, devo dire che avendo visitato molte cose in quel periodo a Londra, la città di Bath è rimasta una delle mie mete preferite. La cosa che mi ha colpito tanto è la costruzione della città, poiché il centro storico è in stile georgiano. Fu costruito nel XVIII secolo per soddisfare il benessere dei visitatori delle terme. Le terme si trovano in uno spazio vicino all’Abbazia di Bath e la Guildhall.

L’Abbazia, a differenza delle terme, è in stile gotico, ma originariamente era una cattedrale normanna. La Guildhall rappresentava il Municipio della città, ora ospita la camera del consiglio di Bath e North East Somerset Council, ma anche l’ufficio del registro di Bath e il North East Somerset Archives and Local Studies. Una piccola curiosità: nel maggio del 2002 la regina Elisabetta II pranzò nella sala dei banchetti.

Le attrazioni più importanti da visitare a Bath sono: la visita alle Terme Romane e il suo museo archeologico. Le terme furono costruite ai tempi dell’imperatore Vespasiano nel 75 d.C. e ancora oggi si può notare che dal sottosuolo fuoriuscisse acqua. Il N.1 Royal Crescent è il numero civico del complesso di 30 abitazioni costruite nel XVIII secolo anch’esse in stile georgiano. Il complesso si trova nella Royal Crescent, nome di una famosa strada a Bath dalla forma semicircolare a forma di mezzaluna (crescent in inglese significa mezzaluna) ed è uno dei quartieri dove è stata girata la serie tv di Bridgerton.

Un altro museo che ne vale la pena andare a visitare è l’Holburne Museum of Art in Bath, la prima galleria d’arte pubblica della città. Anch’esso protagonista della serie, poiché è la casa della mitica Lady Danbury. Molte scene della serie tv sono state girate nelle strade di Bath Street con i colonnati su entrambi i lati e nella piazzetta ad Abbey Green, circondata da edifici georgiani troviamo il The Abbey Deli, un ristorante-caffetteria che nella serie ha ospitato il negozio della modista della signora Delacroix.

Le Assembly Rooms, ovvero le sale riunioni, erano i luoghi di ritrovo nel XVIII e XIX secolo per i membri delle classi sociali dell’aristocrazia britannica. Nella serie tv le hanno utilizzate per le scene del tè e dei balli. Queste stanze possono essere visitate gratuitamente e senza prenotazioni.

Infine, per assaporare l’epoca della Regency inglese, non può mancare la tappa al Jane Austen Centre. Il museo dedicato alla scrittrice inglese, Jane Austen, che visse a Bath tra il 1801 e il 1806, si trova in Gay Street e vicinissima a dove abitava la scrittrice. È una delle sale da tè più famose di Bath, tanto da essere premiata con il Tea Guild’s Award of Excellent. Inoltre, potrete chiedere all’ufficio informazioni di fare dei tour guidati a piedi, che vi immergeranno nei luoghi raccontati nei romanzi di Jane Austen in Northanger Abbey e in Persuasion.

Ogni anno si svolge il Jane Austen Festival e quest’anno sarà tra l’8 e il 17 settembre.

Autore

Articoli che potrebbero interessarti

×